Il corso di e-learning Insieme per porre fine alle mutilazioni genitali femminili (UEFGM) affronta la questione delle mutilazioni genitali femminili nei seguenti contesti:
    • Sanità
    • Asilo
    • Ambito legale
    • Ambito giudiziario
    • Applicazione della legge/polizia
    • Istruzione
    • Servizi sociali e di protezione dell’infanzia
    • Media
    • Società civile
    • Diritti umani

Il corso di e-learning UEFGM è stato sviluppato per rispondere alle esigenze di un’ampia gamma di categorie professionali, inclusi:
    • Professionisti/e del settore sanitario (es. infermiere/i, ostetriche, dottori/esse, ginecologhe/i, professionisti/e della salute mentale)
    • Personale addetto all’accoglienza di migranti e richiedenti asilo
    • Personale legale e giudiziario
    • Operatori/rici sociali e responsabili della protezione dei/lle minori
    • Funzionari/e di polizia/esperti dell’applicazione della legge
    • Educatori/rici, docenti universitari/e, studenti/esse
    • Decisori politici (es. ministeri/dipartimenti per l’asilo, la salute, gli affari interni, la giustizia)
    • Istituzioni e agenzie dell’UE e nazionali (es. protezione internazionale, migrazione, vittime di crimini)
    • Professionisti/e dei media
    • ONG, organizzazioni che lavorano con donne e migranti, centri di accoglienza
    • Stati e agenzie statutarie per ottemperare agli obblighi internazionali

Registrazione

Se siete interessati/e a registrarvi al corso di e-learning UEFGM, vi invitiamo a leggere le informazioni che seguono. Una volta scelto il corso di studio desiderato, seguite la guida di accompagnamento per registrarvi. Riceverete quindi username e password personali che vi daranno accesso alla piattaforma di formazione online.


Risultati generali della formazione

Il corso di e-learning UEFGM mira a rafforzare le competenze di un’ampia gamma di professionisti/e che lavorano per sostenere e proteggere le donne e le bambine che hanno subito MGF. Alla fine del corso, l’utente dovrebbe essere capace di:

    • Descrivere i tipi di MGF e le loro conseguenze
    • Comunicare sulle MGF tenendo conto delle differenze culturali
    • Inquadrare le MGF come violazione dei diritti umani
    • Identificare i regolamenti sull’asilo e le disposizioni dei trattati europei e internazionali pertinenti
    • Adottare un approccio transculturale alle necessità di assistenza sanitaria di donne e bambine sottoposte alla pratica
    • Adottare un approccio basato sui diritti umani che tenga conto delle differenze di genere e culturali nei diversi contesti di salute, asilo, legale, giudiziario, applicazione della legge/polizia, istruzione, protezione sociale e dell’infanzia, mezzi di comunicazione, società civile e diritti umani.

Struttura del corso

Il corso è composto da 2 moduli base e 11 moduli specialistici.

  • I moduli base forniscono gli elementi fondamentali per comprendere le mutilazioni genitali femminili (MGF) in quanto questione legata ai diritti umani e forma specifica di violenza di genere, approfondendo la conoscenza delle dinamiche sociali e di genere implicate.
  • I moduli specialistici offrono ai/lle professionisti/e la possibilità di approfondire la propria conoscenza sulle MGF, selezionando due moduli aggiuntivi su argomenti correlati ai diversi ambiti di competenza.

Ciascun modulo combina diversi materiali ed esercizi, tra cui video, casi di studio, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione, per offrire all’utente una prospettiva ampia e informata attraverso cui sviluppare le competenze essenziali.

I/Le partecipanti al corso dovranno completare, al termine di ciascun modulo, un breve test di autovalutazione e rispondere correttamente ad almeno otto domande prima di poter procedere al modulo successivo. Il test può essere fatto al massimo per tre volte. Dopo aver completato tutti i moduli richiesti e i relativi test, l’utente riceverà un attestato elettronico.


Percorsi di studio

I/Le partecipanti al corso sono invitati/e a iscriversi a uno dei 6 percorsi di studio. Tutti i percorsi di studio prevedono che i/le partecipanti completino i due moduli di base. I moduli addizionali possono essere combinati come indicato qui di seguito:

Modulo 1: Introduzione alle mutilazioni genitali femminili (MGF)

A chi è rivolto: Tutti/e i/le professionisti/e

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 1 fornisce una panoramica introduttiva sulle mutilazioni genitali femminili (MGF) e sulla loro diffusione in Europa e non solo. Gli obiettivi principali sono:

    • conoscere le informazioni fondamentali sulle MGF, comprese definizione, tipologie e diffusione in Europa e a livello internazionale
    • descrivere i principali fattori culturali e sociali che determinano le differenze nel modo in cui le MGF vengono praticate
    • distinguere le conseguenze immediate e a lungo termine delle MGF
    • riconoscere le MGF come una violazione dei diritti umani

Metodi: materiale video, documentazione di supporto, link utili, schede informative, liste di controllo, ulteriori riferimenti bibliografici, test di autovalutazione.


Modulo 2: MGF: Capire le dinamiche sociali e di genere

A chi è rivolto: Tutti/e i/le professionisti/e

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi il Modulo 2 analizza la connessione esistente tra le mutilazioni genitali femminili (MGF) e le dinamiche sociali e di genere. Gli obiettivi principali sono:

    • spiegare il ruolo delle MGF nella definizione dell’identità di genere e delle dinamiche di potere
    • spiegare perché le MGF possono essere considerate una norma sociale
    • descrivere in che modo la disuguaglianza di genere colpisce le donne e in che modo è legata alle MGF
    • descrivere in che modo il processo di migrazione si interseca con queste dinamiche
    • identificare le modalità per favorire l’abbandono della pratica delle MGF a partire da una prospettiva di genere e di norma sociale

Metodi: materiale video, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici, test di autovalutazione.

Modulo 3: Conseguenze delle MGF sulla salute delle donne e loro gestione

A chi è rivolto: questo modulo è rivolto al personale medico, infermieristico e ostetrico e ha lo scopo di completare la formazione ricevuta prima di iniziare la carriera professionale o durante l’attività lavorativa. Può anche essere utilizzato da studenti/studentesse di medicina e altri/e operatori/trici sanitari/e, nonché da insegnanti, assistenti sociali e altri/e funzionari/e pubblici/he (della sanità).

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 3 presenta una panoramica completa delle conseguenze fisiche, psicologiche, sessuali e ostetriche che le MGF hanno sulla salute e la loro gestione da parte di un’équipe multidisciplinare. Sono esaminate inoltre procedure chirurgiche come la deinfibulazione e la chirurgia ricostruttiva. Gli obiettivi principali sono:

    • descrivere le conseguenze fisiche, psicologiche, sessuali e ostetriche delle MGF
    • riconoscere queste complicanze e indirizzare la paziente ai servizi appropriati
    • trattare queste complicanze o indirizzare la paziente allo/a specialista adatto
    • descrivere la differenza tra deinfibulazione e chirurgia ricostruttiva

Metodi: materiale visivo, check-list, documentazione di supporto e link utili, ulteriori riferimenti bibliografici, test di autovalutazione.


Modulo 4: Etica, comunicazione e counselling in ambito sanitario

A chi è rivolto: questo modulo si rivolge principalmente a dottori/esse, infermieri/e e altri/e professionisti/e che lavorano nel settore sanitario.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese , spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 4 presenta i temi fondamentali e le tecniche necessarie per una comunicazione efficace e per il sostegno a donne e bambine sottoposte alla pratica o a rischio. Gli obiettivi principali sono:

    • individuare le principali barriere di comunicazione tra le donne e il personale sanitario
    • conoscere i princìpi fondamentali del counselling e le competenze necessarie per far sì che sia efficace, comprese raccomandazioni specifiche per le diverse categorie professionali
    • identificare le diverse strategie per individuare le giovani donne e le bambine a rischio di MGF
    • conoscere le conseguenze della medicalizzazione delle MGF
    • essere al corrente delle questioni più importanti nel quadro del dibattito in corso sulle MGF

Metodi: case study, materiale visivo, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici, test di autovalutazione.

Modulo 5: Le MGF come motivo di richiesta di protezione internazionale

A chi è rivolto: il Modulo 5 è un modulo specialistico che si rivolge in modo particolare – ma non unicamente – ai/lle funzionari/e delle autorità competenti all'esame delle domande di protezione e dei casi di diritto di asilo, al personale dei centri di sostegno per i/le richiedenti asilo, agli/lle operatori/trici sociali coinvolti/e nei casi di asilo politico e al personale delle ONG che si occupano di queste tematiche.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 5 presenta la questione delle MGF come motivo di richiesta di protezione internazionale (asilo politico) basata su un “fondato timore di persecuzione” ed esamina le norme e la legislazione in materia; illustra i principali agenti di persecuzione; descrive la disponibilità dello Stato a fornire protezione e i motivi della persecuzione; infine espone la questione relativa all’alternativa di fuga o trasferimento interni.

Gli obiettivi principali sono:

    • delineare i fondamenti legali per le richieste d’asilo relative alle MGF in base alla legislazione dell’UE e di altri Paesi
    • illustrare il concetto di agenti di persecuzione statali e non statali
    • capire l’espressione “fondato timore di persecuzione” nell'ambito della Convenzione di Ginevra
    • sottolineare l’importanza delle direttive UE/CE sulla protezione internazionale, in particolare quelle riguardanti l’attribuzione dello status di rifugiato (Direttiva UE 2011/95/UE-rifusione) e sulle condizioni di accoglienza (Direttiva CE 2003/9/CE e Direttiva UE 2013/33/UE)
    • stabilire cosa è “pertinente” e “ragionevole” quando si considera la possibilità di fuga o trasferimento interni

Metodi: case study, politiche e documenti legali di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici, test di autovalutazione.


Modulo 6: Il contesto dell’asilo: indicazioni per la comunicazione e i colloqui

A chi è rivolto: professionisti/e del settore dell’asilo.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 6 evidenzia e analizza le tecniche di comunicazione utilizzate durante il colloquio per determinare lo status di rifugiato, le capacità richieste per comunicare in modo efficace e i princìpi guida fondamentali per valutare la credibilità delle dichiarazioni nell’ambito delle procedure di richiesta di asilo. Gli obiettivi principali sono:

    • esporre i principi guida per la procedura di determinazione dello status di rifugiato/a (DSR), in particolare il livello probatorio e il dovere di comprovare le richieste
    • sottolineare il significato delle direttive UE sulla protezione internazionale, in particolare della direttiva sull’attribuzione della qualifica di beneficiario di protezione internazionale (Direttiva 2011/95/UE, rifusione) e la direttiva sulle procedure (Direttiva 2013/32/UE, rifusione)
    • illustrare come adottare un approccio di genere nei colloqui e un approccio personalizzato per la valutazione dell’attendibilità
    • elencare i passaggi fondamentali

Metodi: case study, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.

Modulo 7: Il ruolo del sistema giudiziario nell’abbandono delle MGF

A chi è rivolto: avvocati/e, giudici, pubblici ministeri, esperti/e legali.

Lingue: inglese, francese, tedesco, neerlandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 7 affronta il ruolo degli attori del sistema giudiziario nell’abbandono delle MGF, specificando quali siano gli approcci legali attuati per porre fine alla pratica nell’ambito dei diversi sistemi giuridici dell’UE. Inoltre il modulo spiega l’uso del diritto penale e delle norme giuridiche per la protezione dei/lle minori e, infine, spiega le norme che regolano il segreto professionale. Gli obiettivi principali sono:

    • descrivere il triplice ruolo del sistema giudiziario nell’abbandono delle MGF
    • capire la differenza tra diritto penale speciale e diritto penale generale sulle MGF e indicare i vantaggi e gli svantaggi dei due sistemi
    • essere consapevole delle difficoltà che si presentano al momento di attuare le leggi contro le MGF
    • in qualità di avvocato/a, giudice o pubblico ministero, saper prestare attenzione alle MGF ed essere in grado di agire di conseguenza

Metodi: casi di studio, documentazione di supporto, link utili, liste di controllo, ulteriori riferimenti bibliografici e quiz di autovalutazione


Modulo 8: Il ruolo delle forze dell’ordine nell'abbandono delle MGF

A chi è rivolto: polizia e altri funzionari/e delle forze dell’ordine.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 8 descrive il ruolo svolto dalle forze dell’ordine nell’affrontare le MGF, ponendo particolare attenzione su come identificare e assistere le donne e le bambine a rischio, individuare i casi, avviare l’azione penale e lavorare con le altre parti coinvolte in modo più efficace, tenendo sempre in debito conto il miglior interesse della bambina. Gli obiettivi principali sono:

    • comprendere che le MGF hanno buone probabilità di essere praticate all’interno delle comunità dove lavorano i/le funzionari/e di polizia
    • capire le responsabilità e i ruoli dei/lle funzionari/e di polizia nel percorso per porre fine alle MGF
    • conoscere le norme giuridiche internazionali sul ruolo che le forze di polizia svolgono per porre fine alle MGF
    • capire le sensibilità culturali specifiche associate alle MGF

Metodi: case study, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.

Modulo 9: Come fornire consulenza e assistenza alle donne che hanno subìto MGF

A chi è rivolto: operatori/rici sociali, consulenti e personale dei servizi di assistenza sociale delle istituzioni locali, strutture assistenziali e sanitarie, case famiglia per donne, giovani e bambini/e, organizzazioni indipendenti e di volontariato, incluse quelle che si occupano di servizi a rifugiati/e e migranti.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 9 si pone l’obiettivo di formare i/le professionisti/e affinché siano in grado di fornire consulenza e assistenza adeguate alle donne che hanno subìto MGF. Gli obiettivi principali sono:

    • individuare la legislazione nazionale ed europea pertinente
    • comprendere le necessità delle donne che hanno subito MGF
    • valutare l’impatto dei servizi forniti
    • offrire consulenze sulle misure di protezione e sulle strutture di sostegno che tengano conto delle differenze di genere e culturali
    • discutere i motivi e i rischi dell’azione penale
    • sviluppare una cooperazione professionale tra diversi settori e Paesi per migliorare le politiche e i servizi

Metodi: case study, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione


Modulo 10: MGF e protezione delle minori

A chi è rivolto: operatori/rici sociali e per la tutela dell’infanzia, personale scolastico e universitario, consulenti che offrono servizi a migranti e rifugiati/e, personale di ONG che lavorano per i/le bambini/e e i diritti umani, l’integrazione, l’istruzione, i/le giovani, le questioni di genere e la violenza.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 10 affronta i diversi aspetti della protezione delle minori nel contesto delle MGF. Gli obiettivi principali sono:

    • approfondire la conoscenza della normativa e delle politiche nazionali in materia di MGF
    • conoscere le varie iniziative dirette a prevenire la pratica e i diversi strumenti di protezione
    • sapere come individuare e tutelare le bambine a rischio
    • rafforzare le proprie capacità decisionali
    • migliorare le proprie competenze su come fornire assistenza e sostegno alle minori sottoposte a MGF
    • rafforzare le proprie competenze per quanto riguarda l’obbligo e il dovere di segnalare casi di MGF
    • individuare i soggetti coinvolti nella protezione dei/lle minori e le modalità di cooperazione adatte
    • essere in grado di capire le difficoltà e i possibili esiti di un’azione legale

Metodi: case study, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.

Modulo 11: Il ruolo del settore scolastico nella prevenzione delle MGF

A chi è rivolto: al personale scolastico e agli/lle educatori/trici che lavorano a stretto contatto con i/le giovani, nonché al personale delle autorità locali che si occupa della tutela e della collaborazione con gli istituti scolastici.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 11 approfondisce il prezioso ruolo che può svolgere la scuola nella prevenzione delle MGF e nella protezione delle minori a rischio, fornendo assistenza alle bambine sottoposte alla pratica e promuovendo il cambiamento dei comportamenti tra i/le giovani e la comunità in generale. Gli obiettivi principali sono:

    • avere una maggiore conoscenza e consapevolezza delle MGF e dell'impatto che queste hanno su bambine e ragazze, nonché delle responsabilità di tutela che spettano ai/lle professionisti/e che operano nel settore scolastico
    • avere una maggiore sicurezza e dimestichezza nel fornire risposte adeguate alle bambine a rischio o sottoposte a MGF
    • conoscere le buone pratiche da seguire per rispondere efficacemente e con sensibilità alle MGF, all’interno del contesto scolastico
    • capire in che modo il settore scolastico completa e si inserisce in una più ampia strategia di risposta alle MGF a livello locale e nazionale
    • riuscire a superare gli ostacoli presenti al momento di affrontare la questione delle MGF nel contesto scolastico

Metodi: case study, documentazione di supporto, link utili, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.


Modulo 12: Approcci a livello di comunità locale per rispondere alle MGF

A chi è rivolto: Questo modulo è destinato al personale degli enti locali, delle ONG e dei centri per le comunità, per i/le migranti e/o per i/le rifugiati/e, che lavorano con le comunità in cui le MGF sono diffuse, così come al personale di polizia, sanitario, scolastico, che si occupa della protezione dei/delle minori e al personale dei servizi sociali.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 12 evidenzia la varietà di approcci necessari per coinvolgere le differenti comunità di migranti, identificando le possibili strategie per aprire un dialogo con le figure comunitarie interessate, tra cui le donne, gli uomini, i/le giovani e i/le leader delle comunità, al fine di promuovere un cambiamento duraturo. Gli obiettivi principali sono:

    • capire le norme sociali a sostegno delle MGF
    • essere consapevoli del ruolo degli attori comunitari per promuovere un cambiamento comportamentale duraturo
    • esplorare i princìpi guida e i criteri per un coinvolgimento efficace della comunità
    • identificare le strategie per coinvolgere i principali attori della comunità in un programma nazionale di risposta alle MGF
    • rafforzare le competenze necessarie per lavorare con le comunità
    • conoscere le buone pratiche negli interventi di prevenzione nelle comunità locali

Metodi: esempi di buone pratiche, documentazione di supporto, link utili, materiale audio-visivo, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.

Modulo 13: Modulo specialistico a scelta

Per procedere con il Percorso di studio 6: MGF e media, seleziona uno a scelta tra i seguenti moduli: 3, 5, 7, 9, 11 e poi prosegui con il Modulo 14.


Modulo 14: Comunicare e informare sulle MGF

A chi è rivolto: giornalisti/e, registi/e di documentari, professionisti/e della comunicazione, studenti/esse e tutti coloro che desiderano sapere come parlare di MGF in modo appropriato e accurato, senza stigmatizzare le donne che hanno subito la pratica, le comunità coinvolte e le donne/bambine a rischio.

Lingue: inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, italiano, portoghese, svedese, greco

Obiettivi: il Modulo 13 intende dotare coloro che si occupano di comunicazione in tema di MGF e di violenza di genere degli strumenti e di un linguaggio che consentano di farlo con precisione e nel rispetto del principio del “non nuocere”. Gli obiettivi principali sono:

    • apprendere quali sono i termini appropriati da utilizzare quando si parla delle MGF, delle donne che le hanno subite e delle comunità interessate
    • capire come i mezzi di comunicazione possono influire sul processo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle MGF
    • fare attenzione agli effetti traumatizzanti e stigmatizzanti di certe parole e immagini per le donne che convivono con le MGF e le comunità interessate
    • riconoscere le MGF come una violazione dei diritti umani

Metodi: esempi di buone pratiche, documentazione di supporto, link utili, materiale audio-visivo, check-list, ulteriori riferimenti bibliografici e test di autovalutazione.